OPES EQUITAZIONE
Grandi Professionisti del Settore supportano il WInter Stakes Reining & Performance

Siamo giunti al termine del Winter Stakes svoltosi alla Peschiera Quarter Horse di Caluso. Un inverno travagliato quello del 2021 ma allo stesso tempo positivo per i Reiners e i Riders che ci hanno accompagnati in questa avventura. Un’aria diversa, positiva, allegra ha percorso i corridoi dell’Arena della Peschiera durante questi incontri. Voglia di fare, di dimostrare ma sopratutto di dare la giusta importanza ai cavalieri e ai giovani che si avvicinano a queste discipline, conoscendo si il lato competitivo ma al solo scopo di dimostrare qualcosa a se stessi, all’impegno e alla passione per questo sport in armonia con tutti gli altri partecipanti e presenti. Una sana competizione, dove tutti tifano per tutti.

A rendere possibile tutto ciò, in primis i cavalieri che ci hanno creduto e che a loro diamo un particolare ringraziamento , perchè con i loro sorrisi, e l’esprimere la loro approvazione e felicità nella riuscita di questo intento ci hanno fatto un regalo bellissimo.

Tanti i professionisti di questa disciplina hanno contribuito con il loro prezioso supporto per la crescita tecnica dei cavalieri e sopratutto dei ragazzi che si avvicinano per le prime volte al mondo del Reining. Stefano Cerutti trainer presso la Peschiera QUarter Horses e pluricampione ha donato il suo tempo con clinic rivolti proprio ai giovani in erba e grazie al suo impegno e disponibilità riconosciamo in lui un prezioso aiuto per la nostra sempre attenta formazione didattica.

Tiziana Gurrisi -Stefano Cerutti - Luca Cocola

Stefano Cerutti ,

trainer, Istruttore 3° livello, Giudice Reining, Docente/formatore

“IL GIUDICE “GIUSEPPE STANZIONE, che oltre a giudicare le performance dei cavalieri ha dato loro preziosi consigli per migliorarsi. Giuseppe ,48 anni di esperienza nel Reining, da reiner, giudice e vicepresidente della formazione trainer, ha appoggiato con entusiasmo il nostro progetto per l’avvicinamento di  nuovi cavalieri a questa bellissima disciplina.

da sx a dx: Luca Cocola -Giuseppe Stanzione -Tiziana Gurrisi

Giuseppe Stanzione: Reiner, Giudice,Trainer

E come Giuseppe, anche Mauro Vittorelli, ha prestato per il nostro Ente il suo prezioso contributo nel giudicare la prima tappa di questo Winter Stakes.

Mauro Vittorelli

Mauro Vittorelli:

Trainer , Reinier, Giudice

Per le Performance, ad aiutare i ragazzi con Clinic di preparazione è stata CRISTINA FISCELLA, Tecnico Federale di 2° livello e trainer. Cristina, paziente e sempre con il sorriso, riesce a trasmettere energia a tutti gli allievi.

Cristina Fiscella:

Veterinaria con la passione per i Quarter HOrse,

Trainer, Istruttore, Coach della Nazionale Youth per la AIQH

Sospese le competizioni in ZONA ROSSA

A seguito del nuovo DPCM del 2 Marzo inerente all’emergenza sanitaria COVID -19, per il contenimento della diffusione del virus, L’Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha emanato delle FAQ esplicative che dispongono che tutte le attività sportive , ivi incluse quelle presenti nel calendario delle manifestazioni di preminente interesse nazionale approvate dal CONI, vengano sospese nelle zone rosse fino a nuove disposizioni solo per gli Enti di Promozione Sportiva, continuano invece gli allenamenti degli atleti agonisti, anche degli EPS.

Resta inteso che OPES ITALIA, così come tutti gli Enti di Promozione Sportiva, attendono chiarimenti ufficiali dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri rispetto ad una palese disparità interpretativa che vede le attività degli EPS fortemente penalizzate rispetto a quelle di altri Organismi Sportivi.

Le zone rosse dal 15 marzo 2021 sono: Lombardia, Piemonte, provincia autonoma Trento, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Puglia, Veneto, Toscana e Marche che si aggiungono a Campania e Molise.
Inoltre il 3, 4 e 5 aprile tutta l’Italia sarà zona rossa ad eccezione di eventuali regioni in zona bianca.

 
Nuovo DPCM e competizioni in zona rossa. Chiarimenti

Grande confusione in merito al nuovo DPCM del 2 Marzo per quanto riguarda le competizioni di interesse Nazionale e gli allenamenti degli atleti agonisti partecipanti alle competizioni riconosciute dal CONI o dal CIP di preminente interesse
nazionale ed organizzate dagli ENTI di PROMOZIONE SPORTIVA.

In questo momento, tutti gli EPS si sono uniti per chiedere chiarimenti che su due articoli sono contrastanti ( art. 17 e 18) inviando una lettera di richiesta di rettifica a All’Ill.mo Capo del Dipartimento per lo Sport Presidenza Consiglio dei Ministri Dott. Giuseppe Pierro.

In attesa di risposta e di correzione inviamo il testo della lettera che potete leggere integralmente nel formato pdf a fondo pagina. Rimaniamo al momento in attesa di risposte in merito e daremo a breve dei chiarimenti. 

il DPCM 2 marzo 2021, all’articolo 41, (che non ha modificato, in alcun modo, sul punto, il precedente DPCM 14 gennaio 2021) prevede che in ZONA ROSSA siano sospesi tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli Enti di Promozione Sportiva (EPS), non vietando, invece, esplicitamente, le sessioni di allenamento a porte chiuse degli atleti agonisti degli EPS partecipanti alle competizioni riconosciute dal CONI o dal CIP di preminente interesse nazionale ed organizzate
dagli EPS stessi.

Considerato che:
1. Le manifestazioni di preminente interesse nazionale organizzate da un EPS possono prevedere sede organizzativa in zona diversa da quella in cui gli atleti agonisti si allenano (es. in ZONA GIALLA, ARANCIONE, BIANCA);

2. Le ordinanze Regionali approvate, dopo l’approvazione del DPCM 2 marzo 2021, per
regolamentare le ZONE ROSSE attive sul territorio nazionale, unanimemente, prevedono l’applicazione delle misure previste dal Capo V del DPCM 2 marzo 2021 (Misure di contenimento del contagio che si applicano in Zona rossa) ovvero, in campo sportivo l’applicazione dell’Art. 41 che sospende tutte le attività previste dall’art. 17, commi 2 e 3, anche se svolte nei centri sportivi all’aperto, nonchè tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli EPS. Nessuna ordinanza sospende invece la possibilità di effettuare le sessioni di allenamento a porte chiuse degli atleti agonisti degli EPS partecipanti alle competizioni riconosciute dal CONI o dal CIP di preminente interesse nazionale ed organizzate dagli EPS stessi;

in applicazione del c.d. “principio di legalità”, non si può vietare ciò che non trova in una legge un espresso divieto (ed il DPCM 2 marzo 2021, nè all’articolo 41 nè in altro punto vieta le sessioni
di allenamento degli atleti agonisti degli EPS partecipanti alle competizioni riconosciute dal CONI o dal CIP di preminente interesse nazionale ed organizzate dagli EPS stessi);
Giusta conclusione è, pertanto, che anche in zona Rossa, NON esiste presupposto alcuno per il quale non debbano essere consentite, dal DPCM 2 marzo 2021, le sessioni di allenamento a porte chiuse degli atleti agonisti degli EPS partecipanti alle competizioni riconosciute dal CONI o dal CIP di preminente interesse nazionale ed organizzate dagli EPS stessi. Se invece gli orientamenti sono
quelli di una maggiore prudenza, non si capisce perché non vengano fermate attività e allenamenti nella loro totalità.
Si chiede, pertanto, di apportare opportuna correzione della risposta alla FAQ n. 5.

http://www.sport.governo.it/it/emergenza-covid-19/avvisi-precedenti/avviso-del-4-marzo-2021/

RINOPOLMONITE …. NOVITA’?

COMPETIZIONI e SPOSTAMENTI, SI O NO?

E’ ormai da giorni che non si fà altro che parlare della RINOPOLMONITE equina, virus EHV-1 come se fosse una novità. Probabilmente siamo tutti spaventati dalla nostra pandemia causata dal COVID -19 e quando sentiamo parlare di Virus, ecco che scattano subito i social e la trasmissione di informazioni a tam tam. Consigliamo prima di divulgare false notizie di informarsi sopratutto con le autorità locali.

CHE COS'E' LA RINOPOLMONITE

La rinopolmonite equina, o EHV-1 (Equine Herpes Virus), è una patologia infettiva virale degli equini che esiste da sempre e che si sviluppa principalmente in tre forme: abortigena (che riguarda soprattutto il settore dell’allevamento), respiratoria e una forma neurologica, la più pericolosa, che in questo momento sta scatenando più preoccupazione.

I sintomi della forma neurologica sono prevalentemente di natura motoria: difficoltà di stazione, di equilibrio e di movimento. Generalmente ha origine negli arti posteriori con vari gradi di gravità fino all’impossibilità di reggersi sulle gambe. 
I sintomi della forma respiratoria, che è un po’ meno aggressiva ed è facile da confondere con una banale influenza sono tosse, febbre, scolo nasale, muco, inappetenza, problemi motori agli arti posteriori.

È un virus, quindi non esistono farmaci specifici per curare questo tipo di patologia. Bisogna valutare caso per caso, applicare una terapia di supporto per gestire i sintomi, reidratare l’animale, curare la mobilità intestinale e la febbre, far muovere il cavallo quando possibile.

Le precauzioni che si possono adottare sono quelle del vaccino ( c’è sempre stato) anche se il virus circola lo stessa ma in maniera più blanda e curare l’animale, monitorare i cavalli soprattutto quelli che manifestano sintomi e isolare i soggetti sospetti. La particolarità di questo virus è di scegliere i soggetti con difficoltà immunologica. 

GARE E SPOSTAMENTI SI o NO?

Come detto sopra il VIRUS EHV-1 c’è sempre stato, oggi se ne parla in maggior modo a causa di un focolaio ritenuto importante per il numero di equini presenti durante una competizione FEI a VALENCIA. Gli equini coinvolti sono stati tutti isolati. Per precauzione le gare internazionali sono state sospese ( visto il numero alto di equini che hanno partecipato) fino al 28 marzo. La FISE, per precauzione ha sospeso le competizioni d’apprima fino al 7 marzo e poi prorogata fino al 21 Marzo in quanto 4 casi giunti in Italia riconducibili alla partecipazione della gara di Valencia. Questi 4 casi sono stati isolati e oggi già fuori dalla quarantena. Vi riportiamo il link FISE che consigliamo di leggere: https://www.fise.it/federazione/news-la-federazione/archivio-news-la-federazione/16003-rinopolmonite-la-fise-divulga-le-%E2%80%9Cbuone-pratiche%E2%80%9D.html 

Altri Enti come FITETREC-ANTE e altri EPS che avevano calendarizzate competizioni equestri a carattere Nazionale ( come il nostro) visibile sul sito www.coni.it hanno sospeso gli eventi fino al 9 Marzo in via precauzionale.

PARERE SERVIZIO VETERINARIO ASL

Avendo sentito il parere del servizio veterinari Nazionale(ASL) e le ASL Regionali, non ci sono stati altri casi riconducibili e non con i cavalli rientrati da Valencia, non esiste nessuna restrizione, blocco, sospensione o altro per spostamenti o partecipazione alle gare, nessuna circolare Nazionale o Regionale.

LE NOSTRE COMPETIZIONI  IN CALENDARIO NAZIONALE NON SUBIRANNO SLITTAMENTI O SOSPENSIONI E SONO TUTTE CONFERMATE A PARTIRE DAL 14 MARZO, DATA COMUNQUE GIA’ PRECAUZIONALE.

Per chi avesse dei dubbi in merito, consigliamo di non basarsi sul passaparola ma di chiamare il servizio veterinario Nazionale o le ASL di competenza sul territorio, unico Ente di competenza. Anche se consigliato (come lo è sempre stato) non c’è alcun obbligo di vaccino o di tampone. 

Ovviamente facciamo appello al buon senso dei proprietari, allevatori, detentori, di non spostare il cavallo in caso di influenza e febbre, cosa che dovrebbe essere ovvia.

Responsabile Nazionale Opes Equitazione

Dr. Tiziana Gurrisi

CREDITO SPORTIVO, FINANZIAMENTI ALLE ASD/SSD

l’Istituto per il Credito Sportivo ha comunicato l’avvio, a partire dal giorno 05/02/2021, delle procedure per la richiesta di finanziamenti finalizzati a coprire esigenze di liquidità di ASD/SSD.

Si tratta della seconda misura “Mutuo Liquidità”, assistita dalle agevolazioni dei Fondi Speciali per lo Sport, e consentirà alle Associazioni Sportive e alle Società Sportive Dilettantistiche di accedere a finanziamenti a “tasso zero” senza ulteriori garanzie. 

I finanziamenti, della durata massima di 10 anni con i primi due di preammortamento, vanno da un importo minimo di 3 mila euro a un massimo di 30 mila euro e comunque in misura non superiore al 25% dell’ammontare dei ricavi risultanti dal bilancio o rendiconto 2019 regolarmente approvato. Per chi ha già usufruito di un precedente finanziamento con la prima misura di liquidità, sarà possibile ottenerne uno nuovo pari alla differenza tra € 30.000,00 e il precedente mutuo, sempre nel limite del 25% dei ricavi del bilancio o rendiconto 2019.

 Da domani venerdì 05/02/2021 le ASD e le SSD, iscritte al Registro CONI o alla sezione parallela del CIP e regolarmente affiliate alle Federazioni Sportive Nazionali e Paralimpiche, alle Discipline Sportive Associate e agli Enti di Promozione Sportiva, da almeno un anno, potranno registrarsi sull’apposito portale dedicato, accessibile dal sito internet del Credito Sportivo, e successivamente potranno procedere con la compilazione della richiesta di mutuo, caricando i documenti necessari direttamente online. Inoltre, attraverso il portale, si potrà monitorare lo stato della propria pratica e interagire per gli adempimenti da svolgere.

A tal proposito, vi ricordiamo che nella vostra pagina RISERVATA, in CONTABILITA’, potete caricare i dati relativi ai vostri movimenti di cassa in entrata e uscita e gli estratti conto in modo che il nostro commercialista possa redigervi il rendiconto economico per l’anno 2020 e successivi.

CLICCA QUI PER ACCEDERE AL SITO
COMUNICATO STAMPA FACCIAMO ATTENZIONE ALLA DISINFORMAZIONE, COMPETENZE ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA

Carissimi Associati,

Date le numerose richieste di chiarezza sulle competenze di un Ente di Promozione SPortiva e nello specifico del Settore Equitazione ci teniamo a precisare quanto segue:

  • lo sport è un diritto di tutti ( COSTITUIZIONE ITALIANA art. 117)
  • COMPETIZIONI E GARE: (approvato dal Consiglio Nazionale del CONI con deliberazione n° 1525 del 28 ottobre 2014)
  • Brevetti Tecnici Riconosciuti validità legale.

Articolo 2 del REGOLAMENTO EPS del CONI sancisce che:
Attività
1. Gli Enti di Promozione Sportiva promuovono e organizzano attività multidisciplinari per
tutte le fasce di età e categorie sociali, secondo la seguente classificazione:
a) Motorio – Sportive
1) a carattere promozionale, amatoriale e dilettantistico, seppure con modalità
competitive, con scopi di ricreazione, crescita, salute, maturazione personale e
sociale;
2) attività ludico-motorie e di avviamento alla pratica sportiva.
3) attività agonistiche di prestazione, connesse al proprio fine istituzionale, nel
rispetto di quanto sancito dai Regolamenti tecnici delle Federazioni Sportive
Nazionali o delle Discipline Sportive Associate, ai quali dovranno fare esclusivo
riferimento, unitamente ai propri affiliati, per il miglior raggiungimento delle
specifiche finalità previa stipula di apposite Convenzioni conformi al fac simile
emanato dal CONI. 

SPIEGAZIONE ARTICOLO 2 ( REGOLAMENTO EPS CONI) : Gli Enti di Promozione sportiva, come dice la parola stessa si occupano di promuovere lo sport. La grande peculiarità degli EPS a differenza delle FSI e DSA (che promuovono un singolo sport) , promuovono più sport , la totalità degli sport e nel contempo promuovono tutte le discipline riconosciute dal CONI ( vedi pdf discipline riconosciute dal CONI in fondo al comunicato ) che sono oltre 400. Questo vuol dire che un EPS, può organizzare , durante l’anno, competizioni amatoriali e/o agonistiche per tutte quelle discipline codificate CONI. Nel nostro caso , tutte quelle inerenti l’equitazione.  Compito degli EPS è quello di organizzare molte gare sul territorio cercando di coinvolgere il maggior numero di persone possibili, dove magari, una Federazione è per sua natura più proiettata verso campionati o gare di alto livello con il compito di portare le rappresentanze Nazionali ai podi olimpici o nelle grandi competizioni internazionali. ( Spiegazione tratta dall’Avv. Paolo Rendina https://www.youtube.com/watch?v=nY2TSckPUWo)

Ne consegue che è di esclusiva della FIS/DSA la denominazione “Campione d’Italia”, mentre agli EPS resta sempre la facoltà di organizzare gare competitive/agonistiche con denominazioni differenti e non riconducibili al titolo in questione.
Gli EPS possono quindi assegnare titoli di Campione Nazionale, Regionale, Provinciale, ecc.
Ne consegue che tutti i tesserati FSI/DSA, di tutte le classi, possono partecipare alle manifestazioni degli EPS che non siano Campionati Italiani, senza incorrere in sanzioni o richiami(a meno che non si accetti esplicitamente tale limitazione ). Proprio perchè lo sport è di tutti e per tutti, non possono esserci limitazioni, rivolgersi alle autorità.

Ad avvalorare ancor più quanto sopra esposto, in base alla Circolare CONI n. 1 del 19 Gennaio 2021 in riferimento agli adempimenti DPCM 14 Gennaio 2021 riguardanti gli eventi e le competizioni di preminente interesse nazionale e richiamato dal MINISTERO DELLO SPORT ( http://www.sport.governo.it/it/)

13. Cosa si intende per eventi e competizioni riconosciuti di interesse nazionale o regionale?

Tutti i confronti competitivi fra due o più atleti, inseriti nel calendario agonistico, quali gare nazionali o regionali, dal CONI, dal CIP, dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate o Enti di promozione sportiva, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali, alla presenza di tecnici sportivi e di ufficiali di gara abilitati, nel rispetto del Protocollo di contrasto al COVID-19 adottato per la specifica disciplina sportiva.

In parole povere il CONI riconosce le competizioni degli EPS, inserite nei codici ( vedi discipline riconosciute CONI) anche come carattere Nazionale (https://www.coni.it/it/news/17547-ecco-tutte-le-competizioni-di-interesse-nazionale-e-internazionale-dopo-il-dpcm-del-3-novembre.html)

  • VALIDITA’ LEGALE BREVETTI TECNICI/ISTRUTTORI

Altra nota sulla quale vogliamo fare chiarezza è la validità legale dei brevetti Tecnici.

La formazione degli operatori sportivi a livello nazionale è di competenza dei soggetti che operano,in Italia, con riconoscimento giuridico in campo sportivo e cioè: 

  • il C.O.N.I. Comitato Olimpico Nazionale Italiano
  • le Federazioni Sportive o realtà associate riconosciute dal C.O.N.I.
  • gli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal C.O.N.I.

Le competenze sono state confermate dal Decreto Legislativo 23/07/1999 n. 242 (cosiddetto
decreto Melandri di riordino dello sport).

Sono pertanto riconosciuti come “Istruttori, Tecnici qualificati ed altre figure similari di Operatori sportivi” i soggetti in possesso, alternativamente, di:

  • Diploma di Laurea in Scienze Motorie
  • Diploma I.S.E.F.
  • Percorso formativo di Istruttore o Tecnico come disciplinato dalle federazioni o dagli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal C.O.N.I.

Pertanto gli Istruttori e Tecnici sportivi con i titoli suddetti possono legittimamente operare in Italia fornendo le loro prestazioni tecnico-operative ai vari Utenti ( per VARI UTENTI  si intende tutti gli Utenti).

Quindi,quando un brevetto e legalmente valido ? In caso di contenzioso in tribunale, quando si può legittimamente affermare che si era abilitati a svolgere determinate mansioni in forza di un titolo riconosciuto. Tale riconoscimento  viene dato al titolo emesso direttamente dai suddetti Enti preposti o dalle federazioni riconosciute dal C.O.N.I. ( reperibili al sito www.coni.it). Se tale riconoscimento non viene accettato,rivolgeri alle autorità competenti.
Leggi qui di seguito gli articoli legislativi sull’argomento.

Certi di aver fatto cosa gradita , invitiamo la divulgazione per evitare la disinformazione.

Responsabile Nazionale OPES EQUITAZIONE

 

 

 

 

Grande Novità quest’anno per il Reining & Performance
locandina reining2021

Grazie alla famiglia Rosso quest’anno daremo la possibilità ai nostri cavalieri di poter seguire il campionato invernale ed estivo alla Peschiera Quarter Horses nelle discipline di Reining e Performance. Il circuito ha l’intenzione di dare visibilità alle scuole di equitazione dando supporto ai cavalieri che iniziano ad avvicinarsi a questo fantastico sport per le prime volte o ai già veterani di poter provare, allenare i cavalli in questa ormai conosciuta arena.

Il circuito sarà appoggiato dalla AQHA (American Quarter HOrse Association) per tutti i tesserati che vorranno prendere punteggi per partecipare ai Campionati Mondiali  con cavalli QUarter e dalla ASHA ( American Stock HOrse Association) nostra fondatrice. La competizione sarà comunque aperta a tutte le razze e proprio per spingere e promuovere le scuole, non è necessario che il cavallo sia di proprietà.

Il Campionato partirà con tre tappe invernali che inizieranno il 21 febbraio e terminerà il 11 Aprile, poi si riparte con l’estivo dal mese di giugno con 5 tappe mensili.